Community » Forum » Recensioni

  La  lista
4 2 0
Connelly, Michael

La lista

Milano : Piemme, 2010

Abstract: Anni di cause di serie B, poi una ferita da arma da fuoco che gli ha causato una dipendenza da psicofarmaci e l'ha tolto a lungo dalla piazza: Mickey Haller non può certo definirsi un avvocato di grido. Eppure, la ruota sembra finalmente girare nel verso giusto quando il suo più illustre collega Jerry Vincent viene misteriosamente assassinato e lui ne eredita tutti i clienti. Tra questi spicca Walter Elliot: noto produttore di Hollywood, accusato di aver ucciso la moglie e il suo amante. La difesa del magnate potrebbe essere per Haller il biglietto per il successo che da tanto aspettava. Ma sulla sua strada incontra il detective Harry Bosch: più di trent'anni di carriera alle spalle, una vocazione per la giustizia che va oltre il semplice senso del dovere, una leggenda per tutti. Solo Haller sembra non averne mai sentito parlare. Tuttavia, a osservarlo meglio, anche per lui quell'uomo dagli occhi da squalo ha un'aria vagamente familiare. Tra i due non è certo amore a prima vista. Perché Bosch guida l'indagine sulla morte dell'avvocato Vincent, e i clienti ora difesi da Haller sono tutti potenziali indiziati per il detective. Si fronteggiano così dai lati opposti della barricata, finché Haller scopre che lui stesso potrebbe essere il nuovo bersaglio del killer. Solo allora Bosch e Haller capiranno che fare squadra è l'unica soluzione possibile. Dopotutto, non sono che le due facce della stessa medaglia. E hanno in comune molto più di quanto loro stessi immaginino.

1681 Visite, 2 Messaggi
SANDRO SUMMA
8 posts

Connelly raramente delude e questo giallo "legale" non fa eccezione.Qui c'è un'intricata vocenda che vede personaggi che gravitano attorno alle Corti di Giustizia di Los Angeles mostrare il meglio ed il peggio di se stessi: avvocati difensori, pubblici ministeri, giudici di varia competenza e grado, esperti, giurie e testimoni vorticano in un turbine di ruoli e guichi incoffessabili. Perry Mason riveduto, aggiornato, corretto ed arricchito da una storia intrigante che si snoda tra un crescendo di sospetti e di colpi di scena.A molti potrà piacere la storia in sè, e c'é polpa gustosa ed abbondante per stimolare la fantasia e la curiosità del lettore, ed anche io ho seguito il dibattersi dell'avvocato Mickey Haller senza un filo di noia.Ma l'aspetto del racconto che giudico più agganciante è la descrizione dei meccanismi processuali americani, visti dal di dentro, per come sono vissuti dagli "specialisti" coinvolti: i tentativi di utilizzare tutti gli spazi di manovra concessi dalle norme, la spasmodica ricerca di informazioni che potrebbero modificare la visione del caso, la centralità della giuria e di tutti gli sforzi esercitati per plasmarne la composizione ed indirizzarne inclinazioni e comportamenti.E' notevole l'abilità di Connelly, sorretta dalla sua esperienza di cronista di nera, di descrivere il mondo dei tribunali attraverso una storia gialla dai contenuti ed andamento classici.

Buon legal thriller . Scrittura molto scorrevole e piacevole. Non è particolarmente emozionante ma merita senz'altro la lettura, che comunque non risulta mai pesante e lenta. Adatto per chi non vuole essere troppo coinvolto e non gradisce una narrazione cruenta.   

  • «
  • 1
  • »

1210 Messaggi in 1149 Discussioni di 96 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online