Community » Forum » Recensioni

L'isola dei due mondi
4 1 0
Brooks, Geraldine <1955- >

L'isola dei due mondi

Vicenza : Neri Pozza, 2011

Abstract: America settentrionale, 1660. Bethia Mayfield ha quindici anni quando una sera dal suo letto sente il padre e il fratello annunciare quella che per lei è un'insperata felicità: Caleb della tribù wampanoag, da anni suo grande amico segreto, andrà a vivere nella loro casa, dopo il battesimo e la conversione alla religione cristiana. Bethia è nata e cresciuta in una piccola comunità inglese di pionieri puritani insediatisi sull'isola di Martha's Vineyard, un lembo di terra affacciato sull'oceano atlantico, schiacciato tra la selva e il mare. È sempre stata una bambina seria e silenziosa, e ha accentuato il suo carattere solitario dal giorno in cui l'amata mamma è morta dopo aver dato alla luce la piccola Solace. Inquieta e curiosa, Bethia subisce a malincuore quello che è il destino di una ragazzina del XVII secolo: non accedere all'istruzione o, come dice Makepeace, il suo pingue e pigro fratello, essere "dispensata" dall'onere degli studi. Trascorre così le giornate occupandosi di Solace, della casa e del padre, il pastore della comunità, un uomo di specchiata e intransigente moralità. Nei momenti liberi, tuttavia, la sua ansia di sapere, il suo desiderio di conoscenza dello strano mondo e delle cose che la circondano prendono il sopravvento. Bethia se ne va in giro per l'isola, a esplorare baie e boschi, e a osservare i nativi e i loro riti, che la affascinano e al tempo stesso la turbano, tra consapevolezza di libertà e paura del peccato. Ha dodici anni quando incontra Caleb...

1584 Visite, 1 Messaggi

Un altro bellissimo romanzo della Brooks narrato anche questa volta, come Annus Mirabilis dalla voce stessa della protagonista. Ambientato nell'America Settentrionale del 1660 racconta la storia di Bethia, figlia di un pastore e missionario di una comunità di indiani wampanog, e della sua amicizia con uno di loro di nome Caleb. Ognuno imparerà dall'altro lingua, religione e tradizioni e quando Caleb si convertirà alla religione cristiana e in seguito, grazie alla sua intelligenza, sarà ammesso all'università di Harward, scopriranno entrambi che i mondi a cui appartengono sono molto distanti tra loro e spesso inconciliabili.
Il romanzo è quindi la storia di una donna che cerca di affermare la propria intelligenza e le proprie capacità in un mondo in cui alle donne era addirittura preclusa l'istruzione e dovevano sottostare a convenienze imposte dalla società e di un ragazzo che si afferma nonostante i pregiudizi e gli ostacoli che gli si presentano. L'autrice si ispira alla vera storia del primo nativo americano laureatosi ad Harward e scrive con la sua grande capacità narrativa un romanzo avvicente e istruttivo.
 

  • «
  • 1
  • »

1210 Messaggi in 1149 Discussioni di 96 utenti

Attualmente online: Ci sono 11 utenti online