Community » Forum » Recensioni

Quando Mussolini non era il duce
0 1 0
Gentile, Emilio <1946- >

Quando Mussolini non era il duce

Milano : Garzanti, 2020

Abstract: A marzo del 1912, il ventinovenne Benito Mussolini è solo un marxista di provincia. Appena quattro mesi dopo irrompe sulla scena nazionale, a capo della corrente rivoluzionaria che conquista la guida del partito socialista. Nei mesi successivi, come direttore del-l'«Avanti!», è idolatrato dalle masse. Ma nell'autunno del 1914 sostiene l'intervento nella Grande Guerra: allora, in pochi giorni, perde ogni sostegno e viene bollato col marchio del traditore. Quando fonda i Fasci di combattimento, nel marzo del 1919, raduna poche centinaia di affiliati: quel fascismo è un movimento rumoroso ma marginale. Nelle elezioni politiche di novembre, infatti, Mussolini prende meno di cinquemila voti, e ha la tentazione di abbandonare la politica. Emilio Gentile racconta la storia di un Mussolini per molti aspetti sconosciuto: non rivoluzionario, non anticapitalista, e neppure «duce»: un politico isolato, che si autodefinisce «avventuriero di tutte le strade». E con spregiudicatezza è pronto a rinnegarsi pur di conquistare il potere.

101 Visite, 1 Messaggi

Socialista, individualista e per niente rivoluzionario: è difficile scorgere in questo ritratto Benito Mussolini, eppure, prima del 1919, il dittatore fascista era esattamente così. Lo storico Emilio Gentile racconta il duce prima della fondazione dei Fasci di combattimento, attraverso una ricostruzione che mette in guardia sull'imponderabilità della storia e su come anche un isolato "avventuriero" possa trasformare profondamente le sorti di un intero Paese.

  • «
  • 1
  • »

1210 Messaggi in 1149 Discussioni di 96 utenti

Attualmente online: Ci sono 4 utenti online